SCIA Edilizia

La Segnalazione Certificata Inizio Attività a Roma è stata itrodotta dalla Legge 78/10 art. n. 49 convertita in legge al n. 122 in data 30/07/2010 in sostituisce della D.I.A. per tutti gli interventi edilizi di cui all’art. 22, c. 1 e c. 2, del T.U. D.P.R. 380/2001.

maggiori informazioni
La SCIA è un titolo abilitativo edilizio, che si forma solo se sussistono tutte le condizioni e i requisiti previsti dalla normativa vigente. Consente al cittadino di eseguire lavori edilizi di entità contenuta, è possibile iniziare i lavori subito dopo aver presentato la segnalazione presso l’amministrazione comunale.
Il privato cittadino, con il giusto supporto del tecnico di fiducia, ad esempio Ingegnere, Architetto o Geometra, prima di presentare la SCIA deve accertarsi di possedere tutta la documentazione necessaria per la realizzazione dell’intervento. L’esistenza di tali presupposti e tali requisiti viene autocertificata all’atto della presentazione.
Sono compresi tutti gli interventi non riconducibili all’attività di edilizia libera e non riconducibili all’attività soggetta al permesso di costruire. E’ importante che gli interventi siano conformi alle previsioni degli strumenti urbanistici dei regolamenti edilizi vigenti, e che non incidano sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, e non modifichino la destinazione d’uso e la categoria edilizia, non alterino la sagoma dell’edificio e non violino le eventuali prescrizioni contenute nel permesso di costruire;
In parole piu’ semplici si possono riassumere in:
Restauro e risanamento conservativo
i mutamenti di destinazione d’uso “funzionale”
manutenzione straordinaria che riguardi parti strutturali dell’edificio
i singoli interventi “strutturali” non costituenti un “insieme sistematico di opere”
semplici modifiche prospettiche (ad esempio apertura o chiusura di una o più finestre).

Scarica la modulistica di esempio dei Municipi di Roma:
Modulo domanda SCIA
Modulo Fine Lavori


Contattaci per un preventivo